A proposito dell’uomo che maltratta: capire in tempo come salvarsi

La differenza tra l’uomo verbalmente molesto e quello fisicamente violento non sono cosi’ marcate come si potrebbe pensare. Il comportamento di entrambi ha le stesse radici e nasce dalla stessa mentalità. Inoltre, le due categorie tendono a sovrapporsi: gli uomini fisicamente violenti lo sono anche verbalmente, quelli mentalmente crudeli e manipolatori tendono a sconfinare nell’intimidazione fisica.

Una delle ragioni per cui e’ difficile riconoscere il maltrattamento in un rapporto di coppia e’ che spesso gli uomini maltrattanti non sembrano tali. Hanno molte buone qualità, sono simpatici, spesso anche gentili, dotati di senso dell’umorismo, specialmente nei primi tempi. Hanno molti amici, un lavoro…..ma non e’ da escludere che potrebbero fare uso di sostanze stupefacenti o di alcol.

Insomma, un uomo violento o fisicamente o psicologicamente, non corrisponde necessariamente all’idea che si ha comunemente della persona violenta. E cosi’, quando una donna sente che c’e’ qualcosa che non torna, difficilmente pensa al fatto che il suo partner sia violento. I sintomi della violenza ci sono e la donna di solito li vede con chiarezza: la frequenza delle umiliazioni; una generosità che si trasforma presto in egocentrismo; sbotti verbali quando e’ irritato o gli si da’ torto; lamentele, sempre rivolte alla partner; la convinzione di sapere cosa e’ bene per lei meglio di lei stessa; e, in molte coppie, un crescente clima di paura e intimidazione. Ma la donna vede anche che il compagno e’ un essere umano, capace di affetto, e gli vuole bene. Vorrebbe capire perche’ si arrabbia cosi’ tanto, per aiutarlo a uscire da quello schema di alti e bassi.

Gli sbalzi d’umore dell’uomo violento sono particolarmente sconcertanti. E’ come se fosse un’altra persona, cambia dall’oggi al domani quando non da un momento all’altro. A volte e’ aggressivo e minaccioso, usa toni aspri, insulta, schernisce e intima il silenzio. Quando e’ in questa fase, qualunque cosa lei cerchi di fare, non riesce a calmarlo, anzi: lo fa arrabbiare di piu’. Lui le da’ la colpa di ogni problema e stravolge cio’ che gli dice, costringendola a mettersi sulla difensiva. Molte donne dicono: ” sembra che io non faccia mai nulla di giusto”.

In altri momenti sembra invece ferito e disperato, bisognoso di affetto e di qualcuno che si prenda cura di lui. Allora pare disposto a cambiare o sembra un bambino offeso, difficile e problematico, ma in fondo amabile. A vederlo cosi’, la sua partner non pensa che la violenza dentro di lui possa manifestarsi ancora. La bestia che qualche volta prende il sopravvento non sembra avere nulla a che fare con la persona tenera che le si presenta ora.

Prima o poi pero’ l’ombra riappare, come se avesse vita propria. Possono trascorrere tranquillamente giorni e settimane, ma ecco che improvvisamente la donna e’ sotto attacco. Riprova a mettere insieme gli aspetti cosi’ incoerenti del carattere del partner e non riuscendoci, pensa di essere lei quella non del tutto a posto con la testa. (Manipolazione)

COSA PUO’ FARE PER SE’ UNA DONNA MALTRATTATA

Il primo messaggio che vorrei dare e’ il seguente: un uomo maltrattante distorce la vita e la mente della donna con la quale sta, in modo che resti sempre focalizzata su di lui.

La cosa piu’ importante per uscire da questo vortice e’ tornare a dirigere le vostre attenzioni su voi stesse e, se li avete, sui vostri figli. Tornare a rivolgere le vostre energie sull’andare avanti nella vita per la strada che scegliete.

RIFLESSIONI

* chiedete aiuto a voi stesse, di qualunque tipo. Cercate qualcuno da qualche parte di cui vi potete fidare e che puo’ aiutarvi a mantenere il senso di realtà, che capisca cio’ che state passando.

Uscite a cercare aiuto

* tenete un diario per documentare la vostra esperienza, in modo che quando il vostro partner vi confonde le idee stravolgendo i fatti o con improvvisi “ attacchi di bontà”, voi possiate rileggere cosa avete    scritto e ricordarvi chi siete veramente e quello che lui veramente fa.

* State lontane da persone che non vi fanno del bene e che vi dicono cose che vi portano ad attribuirvi delle colpe

* Pensate a qualunque cosa vi venga in mente che vi fa star bene, che nutre la vostra anima. Anche le donne che hanno partner estremamente ossessivi e ipercontrollanti riescono spesso a trovare qualche stratagemma per avere il tempo di fare ginnastica, prendere lezioni di qualcosa, fare passeggiate o ritagliarsi del tempo in solitudine per pensare.

* non biasimatevi se non riuscite subito a raggiungere i vostri obiettivi e se, ad esempio, crollate e ritornate con lui. Cercate di recuperare energie e riprovateci.

  Ce la farete prima o poi, e magari proprio al prossimo tentativo.

Infine spesso questi uomini sono narcisisti perversi e sono uomini fortemente manipolatori, commettono abusi psicologici, minacciano e sono difficilmente modificabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.