Categoria: Articoli salvavita psichica

Il disturbo post traumatico da stress

Un evento passato estremamente angosciante puo’ avere effetti a lungo termine che possono diventare riconoscibili solo molti anni dopo. L’evento traumatico puo’ essere una volta, ad esempio un incidente, un infortunio una perdita di qualcuno caro,o puo’ essere dovuto a una causa in corso, come una malattia. Se senti di essere su un ottovolante emotivo, con sentimenti di depressione e ansia, potresti essere stato traumatizzato in passato. Quando si verifica un evento come questo, a differenza di una malattia fisica, i sintomi emotivi possono apparire molto piu’ tardi ,senza sembrare correlati. Inoltre c’e’ un flusso e riflusso verso i sintomi senza la sensazione che ci sia una guarigione generale. Ecco perche’ gli effetti del trauma possono essere una sfida quando si punta alla stabilita’ emotiva.

Mentre e’ una risposta normale avere un trauma emotivo dopo un evento che cambia la vita, se una persona non e’ in grado di elaborare le proprie emozioni anche dopo molto tempo, e puo’ essere un segno di disturbo post traumatico da stress (PTSD).

Una naturale inclinazione verso qualsiasi evento stressante sarebbe chiedersi “perche’ io?”. Alcuni possono persino arrivare a incolpare se stessi per la sventura o mettere in discussione la loro esistenza.

In questo articolo discutero’ alcune tecniche di coping che potrebbero essere utili nella gestione di questo problema.

Mentre una delle tecniche piu’ utili e’ quella di consultare un professionista della salute mentale , ci sono altri metodi efficaci, che possono essere molto utili in situazioni che non sono cosi’ gravi.

E’ una tendenza umana dare la colpa agli eventi passati su noi stessi a causa di un fallimento  relativo al nostro carattere o alle nostre azioni. Questo ragionamento apparentemente irrefutabile , puo’ tormentarci per decenni.

Tuttavia molto spesso non e’ cosi’. Inoltre, quelle situazioni passate non possono essere modificate e quindi piu’ possiamo lasciare andare le preoccupazioni del passato, soprattutto perche’ non possiamo cambiarle, piu’ e’ salutare per noi.

Potresti non essere consapevole di quanto possano essere fragili e complicate le relazioni. A volte gli altri non sono in grado di comprendere le situazioni e le emozioni con cui hai a che fare e quindi potrebbero non essere in grado di comprenderti pienamente.

Allo stesso modo, quando trovi un membro della famiglia di un amico che non mostra il suo solito se’, dovresti anche cercare di controllarlo. Apprezza ciò che hai e beneficia dell’aiuto che offri agli altri.

E’ molto importante che tu ti apra sul tuo trauma con quelli di cui ti fidi. Puo’ volerci del tempo per fidarsi degli altri abbastanza da condividere i dettagli a causa delle varie emozioni coinvolte, ma alla fine ne vale la pena. E’ meglio diventare piu’ forti connettendosi con gli altri, condividendo il dolore. Il supporto emotivo che ci rende tutti piu’ forti.

Puoi cosi’  controllare se stai mostrando segni di depressione.

Ci sono altri modi su alcune attività’ aggiuntive da fare quando la giornata “si fa dura”. Queste attività’ non richiedono altri investimenti  se non il tempo e la concentrazione.

Puoi anche seguire i consigli su come costruire la resilienza mentale. Un altro modo sorprendente di elaborare un trauma e’ pensare come un anziano.

Affrontare da soli significativi traumi puo’ diventare difficile, quindi e’ sempre consigliabile cercare aiuto sia personale (amici o familiari) o meglio, professionale.(psicoterapeuta).

Tuttavia, ci sono attività’ utili che si possono intraprendere da soli, e che sono anche utili. Inoltre e’ da tener presente che sebbene i pazienti con il disturbo post traumatico da stress siano spesso descritti con significative turbolenze emotive, ci sono individui che hanno trasformato il loro stress post traumatico in crescita.

Affrontare la solitudine

La maggior parte di noi ha sentito le fitte della solitudine, durante un grande cambiamento nelle nostre vite, inclusa la perdita di una relazione speciale. La solitudine non significa che non hai alcuna relazione. Indica che anche quando si è circondati da più relazioni, non esiste una singola connessione intima che è possibile identificare. Non sei in grado di stabilire una connessione emotiva con qualcuno che sta causando un vuoto nella tua vita. Potresti sentirti indesiderato o escluso, anche in una stanza piena di persone.

Non solo l’effetto della solitudine si sente desolato e depresso, ma è anche collegato ad un aumentato rischio di mortalità negli anziani.

Secondo un recente studio, “ La solitudine affettiva è associata ad un aumentato rischio di mortalità per tutte le cause negli anziani che vivono soli. Lo stato funzionale è stato identificato come un potenziale percorso che tiene conto delle conseguenze negative della solitudine. La solitudine emotiva che può derivare dalla perdita o dall’assenza di una figura di attaccamento emotivo vicino sembra essere la componente tossica della solitudine. “

Secondo un articolo della  Harvard Business Review, “La solitudine e le connessioni sociali deboli sono associate a una riduzione della durata della vita simile a quella causata dal fumo di 15 sigarette al giorno e persino maggiore di quella associata all’obesità”.

John Cacioppo, il fondatore del Center for Cognitive and Social Neuroscience dell’Università di Chicago, parla della letalità della solitudine.

Sebbene, da un lato, possiamo attribuire credito alle piattaforme dei social media con la riduzione dei confini fisici e la possibilità di connetterci su lunghe distanze, dall’altro lato, hanno anche svolto un ruolo dannoso nell’aumentare il nostro senso di isolamento, mentre osserviamo gli altri vite perfette attraverso immagini accuratamente curate. Paradossalmente, i social media possono essere abbastanza antisociali, con un livello più elevato di utilizzo di Internet che guida le persone verso un livello piu’ alto di solitudine emotiva. Non possiamo sostituire la creazione di account sui social media o un numero maggiore di follower per una vera connessione umana. Questa epidemia dell’uso dei social media ha raggiunto livelli tali che ora esiste una scala per i disordini dei social media.

La gravità e l’età della solitudine hanno una relazione complessa, con un aumento della solitudine notato tra la fine degli anni ’20, la metà degli anni ’50 e la fine degli anni ’80.

Perché ci sentiamo soli

  • L’ansia sociale svolge un ruolo importante nell’aggravare la solitudine. Le persone potrebbero scoprire che non sei interessato a parlare con loro senza rendersi conto che ti senti socialmente ansioso.
  • Non hai relazioni significative a cui ti senti vicino nel cuore.
  • Gli introversi possono trovare più difficile legarsi con le persone poiché grandi gruppi di persone le fanno sentire mentalmente esauste
  • Troppo uso dei social media che ti dà un falso senso di appartenenza disconnettendoti dal mondo reale
  • Diverse aspettative dagli altri. Uno su quattro americani si sente raramente o mai  come se ci fossero persone che li capiscono davvero.
  • Fattori economici o geografici
  • Gap di comunicazione
  • Mancanza di consapevolezza

Effetti della solitudine

Effetti fisici

          

          Maggiore rischio di malattie cardiache .

          Collegato ad un aumentato rischio di mortalità negli anziani

  • Cattive abitudini alimentari / Disturbi alimentari
  • Le persone sole hanno riportato una scarsa qualità del sonno rispetto alle persone che non si sentono sole.
  • Il sistema immunitario più debole come la solitudine può aumentare lo stress cronico che si traduce in stress cronico
  • Può provocare ipertensione
  • Maggiori possibilità di sviluppare disabilità ( disabilita’) nelle fasi successive della vita
  • Più vulnerabile alle infezioni virali

Effetti psicosociali

  • Perdita del senso di appartenenza
  • Circolo vizioso: più ti senti solo, più difficile può essere trovare una relazione intima
  • Le persone che sono sole decifrano le situazioni sociali in modo più non costruttivo, aumentando così il loro senso di vuoto
  • Depressione
  • Aumento dello stress
  • Binge – Watching
  • Più tempo sui social media
  • Possessivo di cose materialistiche
  • suicidio Ideazione
  • Demenza
  • La forte associazione negativa di saggezza

Come superarlo

  • Riconosci che ti senti solo. È possibile utilizzare la scala della solitudine UCLA e se si sente che si sta verificando la maggior parte dei sintomi, quindi consultare un professionista.
  • Cerca di capire perché ti senti solo. Mancano abilità sociali, qualche barriera fisica, ecc.? Una volta individuato il motivo, si sarebbe in grado di trovare una soluzione
  • Smetti di confrontarti con gli altri. Questo è ancora più rilevante nell’era dei social media. Ricorda che le persone mettono le loro migliori fotografie là fuori, ma non conosci l’intera storia.
  • Crea un contatto sociale e migliora il tuo supporto sociale
  • Consapevolezza
  • Chiedere aiuto
  • Cura di sé e compassione: accetta e ama te stesso.
  • Uso produttivo del tempo solitario
  • Crea connessioni sociali iscrivendoti ad alcuni club di attività in cui puoi incontrare persone simili. Prova il volontariato
  • Imparare cose nuove
  • Parla dei tuoi sentimenti

Come sostenuto da vari studi, la solitudine non solo aggiunge stress e depressione alla tua vita, ma può anche portare a molti disturbi gravi e ad un aumentato rischio di mortalità. Creare supporto sociale ed emotivo è molto indispensabile per combattere questa epidemia di solitudine.

Gestire l’ansia nei periodi di Coronavirus e come mantenere la calma

Fino a poco tempo fa  molti di noi stavano finalizzando i nostri piani di viaggio per le vacanze estive. Poi improvvisamente i canali di notizie hanno iniziato a bombardarci con le notizie di Coronavirus. L’Organizzazione mondiale della sanità ha successivamente etichettato COVID-19 noto come pandemia. Le risposte emotive includevano stati di ansia e persino attacchi di panico. Con l’aggiunta di informazioni sul fatto che le persone con più di 60 anni e quelle con altre condizioni di salute di base, tra cui ipertensione e diabete mellito, sono più vulnerabili, ha anche contribuito a provare l’ansia aggiunta. Per far fronte a questi tempi estremamente angoscianti, l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato diverse infografiche su come proteggere la propria salute mentale. Uno di questi è particolarmente dedicato ai bambini.

Come mantenere la calma e proteggere la salute mentale durante il  coranavirus

La diffusione del nuovo coronavirus Covid-19 sta causando molte persone a soffrire di ansia e l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato consigli su come proteggere la propria salute mentale.

Mantenere la calma può essere difficile quando è circondato da così tante notizie preoccupanti e così tante riguardanti gli aggiornamenti dei social media.

Ecco una serie di consigli su come affrontare e mantenere la calma mentre la situazione si sviluppa.

L’OMS ha consigliato alle persone alle prese con la loro salute mentale di consultare le autorità sanitarie ufficiali e le piattaforme per distinguere i “fatti dalle voci” . 

 Evita di guardare, leggere o ascoltare notizie che ti fanno sentire ansiosi o in difficoltà ; cerca informazioni principalmente per prendere misure pratiche per preparare i tuoi piani e proteggere te stesso e i tuoi cari. Sii empatico con coloro che sono stati colpiti, in e da qualsiasi paese. Quelli con la malattia non hanno fatto nulla di male. 

L’organizzazione ha inoltre raccomandato di non riferirsi ai pazienti con coronavirus come “vittime” o “malati”. 

L’OMS ha detto: “Sono ‘persone che hanno Covid-19’, ‘persone che sono in cura per Covid-19’, ‘persone che si stanno riprendendo da Covid-19’ e dopo essersi riprese da Covid-19 la loro vita andrà avanti il loro lavoro, le loro famiglie e i loro cari “. 

Può essere facile per coloro che si isolano da soli sentirsi soli e bisognosi di interazione sociale. 

L’OMS ha raccomandato a coloro che sono isolati di “rimanere in contatto” e mantenere l’utilizzo dei social network , pur mantenendo il più possibile la loro normale routine quotidiana. 

L’organizzazione raccomanda di allenarsi regolarmente, mantenendo le routine del sonno e mangiando sano .

Rosie Weatherley, portavoce dell’ente benefico per la salute mentale Mind, ha dichiarato alla BBC : “Molta ansia è radicata nel preoccuparsi dell’ignoto e nell’attesa che accada qualcosa – il coronavirus è quello su scala macro”.

AnxietyUK consiglia di limitare il tempo che passi a leggere o guardare cose che non ti fanno sentire meglio .

Dicono che puoi decidere un orario specifico per fare il check-in con le notizie.

E dicono di essere informati attenendosi a fonti attendibili di informazioni come i siti web del governo e del SSN.

Puoi anche disattivare le parole chiave che potrebbero scatenare su Twitter e smettere di seguire o disattivare gli account e disattivare i gruppi di WhatsApp e nascondere post e feed di Facebook se li trovi troppo schiaccianti

Dovresti concordare orari di check-in regolari e sentirti connesso con le persone intorno a te durante l’autoisolamento e trovare un equilibrio tra avere una routine e assicurarsi che ogni giorno abbia una certa varietà.

Cerchiamo di affrontare cosi l’ansia:

  • Riconosci:  nota e riconosci l’incertezza quando viene in mente.
  • Pausa:  non reagire normalmente. Non reagire affatto. Metti in pausa e respira.
  • Ritirati:  dì a te stesso che è solo la preoccupazione a parlare, e questo apparente bisogno di certezza non è utile e non necessario. È solo un pensiero o un sentimento. Non credere a tutto ciò che pensi. I pensieri non sono affermazioni o fatti.
  • Lascia andare:  lascia andare il pensiero o il sentimento. Passerà. Non devi rispondere a loro. Potresti immaginarli fluttuare via in una bolla o nuvola.
  • Esplora:  esplora il momento presente, perché proprio ora, in questo momento, va tutto bene. Nota la tua respirazione e le sensazioni della tua respirazione. Nota il terreno sotto di te. Guardati intorno e nota ciò che vedi, ciò che senti, ciò che puoi toccare, ciò che senti. Proprio adesso. Quindi sposta la tua attenzione su qualcos’altro – su ciò che devi fare, su ciò che stavi facendo prima di notare la preoccupazione, o fai qualcos’altro – consapevolmente con tutta la tua attenzione.

MUSICA E CERVELLO

La musica è intorno a noi. Che tu lo realizzi o no, la musica ci influenza in molti modi e si presenta in molte forme diverse. Molte persone hanno la propria selezione su telefoni, tablet e laptop.

Le prime prove di musica provengono da flauti che sono stati scolpiti nell’osso. I ricercatori affermano che questi flauti hanno circa 43.000 anni. Gli sciamani stavano usando la musica primitiva per portare coraggio ai loro combattenti della tribù o dare loro speranza nella loro caccia agli animali. La musica si trova spesso anche in molte occasioni, come le celebrazioni. C’è anche un uso della musica nelle guerre, a volte come mezzo di intimidazione o semplicemente per unire le persone nella loro lotta contro un nemico comune.

Un po’ di musica, come la classica, può essere utilizzata in terapia per trattare pazienti con condizioni come depressione o ansia. Ascoltare musica come la musica classica, il jazz morbido e persino il rap ha dimostrato di essere rilassante e può persino combattere la depressione. L’ascolto del pop ha persino dimostrato di dare alle persone un’esplosione di energia, a causa della sua natura ottimista. Questi fenomeni sono dovuti alla melodia alla quale suona la musica. Un tempo lento può provocare una sensazione rilassante, mentre uno più veloce può essere più energizzante. Alcune persone pensano che dipenda dallo strumento, ma riguarda davvero il modo in cui vengono suonate.

Suonare uno strumento comporta anche una serie di vantaggi. Poiché suonare uno strumento stimola entrambi i lati del cervello, è direttamente collegato al miglioramento della memoria a lungo termine. Ci aiuta anche a calmarci e migliora le capacità di alfabetizzazione.

Recentemente, nell’ambito della medicina integrativa, la musicoterapia è stata aggiunta alla cura dei pazienti in alcuni ospedali accademici. In queste impostazioni la musicoterapia è “prescritta” per scopi diversi, incluso un migliore controllo del dolore e rilassamento per i malati di cancro.

Infine, per trarre vantaggio dalla musica possono essere coinvolti molti fattori. In base alla situazione emotiva e all’obiettivo dell’attività, il tipo di musica può essere personalizzato. Lo stile musicale, lo strumento suonato, il ritmo, il tono, sia che si tratti dell’ascolto passivo o dell’esecuzione attiva, che accompagnano attività come la danza, sono tra i diversi fattori che dovrebbero essere considerati.

Musica e sostanze chimiche cerebrali

La musica e la storia umana sono strettamente legate. Sebbene la musica sia stata utilizzata per scopi diversi e in vari contesti della storia umana, è solo di recente che è stata apprezzata come parte della terapia medica alternativa. Ciò ha attirato l’interesse scientifico nel delineare i cambiamenti fisiologici che la musica può stimolare nel corpo, specialmente nel cervello.

La musica può aumentare i livelli di dopamina e la sua sintesi nel cervello. Questo livello elevato può dare una sensazione piacevole, un senso di benessere. La dopamina può anche regolare le risposte emotive come i sentimenti di piacere basati anche sulle novità. Ciò può motivare l’ascoltatore a cercare di nuovo un’esperienza simile. Allo stesso modo, durante l’esposizione alla musica sono stati osservati aumenti del livello sierico di calcio. Il calcio migliora la sintesi di dopamina nel cervello e successivamente inibisce l’attività simpatica che può ridurre la pressione sanguigna.

I cambiamenti nel livello di attività delle endorfine sono un altro effetto della musica nel corpo. Alcuni ricercatori ritengono che il livello di endorfina diminuisca nei pazienti che sono stati esposti alla musica che porta a abbassare la pressione sanguigna. D’altra parte, altri affermano che l’esecuzione della musica, e non solo ascoltandola, aumenta la tolleranza al dolore attraverso l’attivazione del rilascio di endorfine. Sembra che siano necessarie ulteriori ricerche per descrivere più in dettaglio, l’impatto della musicoterapia nel cervello e la sua relazione con il rilascio di endorfine.

È stato anche dimostrato che la musica aumenta il rilascio di serotonina nel cervello e migliora la tollerabilità allo stress. L’aumento dei livelli di serotonina nel cervello può influenzare anche l’umore, l’  ansia e la felicità. Poiché la depressione è stata collegata a bassi livelli di serotonina, i principali gruppi di farmaci antidepressivi funzionano aumentando il livello disponibile di serotonina, aiutando sia la depressione che l’ansia. Alcune droghe illecite come l’ecstasy possono aumentare significativamente i livelli di serotonina.

La musica può aumentare i livelli di ossitocina nel cervello. Questo effetto può essere percepito come un senso di rilassamento e un aumento delle interazioni sociali. Aumentando il livello di ossitocina nel cervello, l’ascoltatore può avere una maggiore sensazione di fiducia. Al contrario, alcuni ricercatori sostengono che non potevano mostrare questo effetto nei loro studi. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche e interventi per studiare questo presunto effetto. La musica ha anche dimostrato di abbassare i livelli di cortisolo. Bassi livelli di cortisolo possono anche portare a un senso di rilassamento e calma. Può anche migliorare la depressione, l’affaticamento e i disturbi dell’umore. La musica può anche ridurre la concentrazione dei livelli di noradrenalina nel cervello. Bassi livelli di noradrenalina, a causa dell’attivazione del sistema nervoso parasimpatico, possono aiutare a far fronte all’ansia, risultando in uno stato più rilassato e un sonno migliore.

In breve, sembra che gli effetti rilassanti e calmanti della musica siano mediati da diversi ormoni e trasmettitori neuroendocrini. La scienza di base ha rivelato una serie di cambiamenti che possono verificarsi. Sebbene questi studi abbiano dimostrato che suoni, toni e ritmi musicali diversi possono avere esiti specifici, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarirne gli effetti fisiologici. Speriamo che ulteriori conoscenze possano aiutare a guidare le prescrizioni musicali in futuro.

30  punti per uscire dal tunnel e vedere la Luce

1. Accetta la realtà

2. Impara a chiedere aiuto

3. Impara ad accettare aiuto

4. Impara dal passato

5. Ritagliati un momento per te

6. Chiediti quale e’ il messaggio che la vita ti sta mandando

7. Chiediti cosa faresti se non avessi paura

8. Il passato e’ passato

9. Se ti senti bloccato/a e’ segno che e’ necessario un cambiamento

10. Segui il tuo intuito e sii te stesso/a

11. Liberati dalle aspettative

12. Se ti senti in una spirale negativa sblocca definitivamente la tua vita

13. Assumiti i tuoi rischi

14. Diventa responsabile

15. Leggi

16. Assumi il controllo

17. Mantieni la chiarezza interiore

18. Rifletti sulle soluzioni

19. Aumenta la tua creativita

20. Ridi

21. Credi in te stesso/a

22. Prendi una pausa

23. Agisci

24. Sperimenta emozioni positive

25. Sotto pressione rimani calmo/a

26. Ottimizza la tua salute e la tua energia

27. Abbi uno sguardo positivo

28. Coccolati

29. Abbi cura di te

30. Chiedi aiuto ad uno specialista

Come riconoscere le persone tossiche: 30 segnali

Un istinto rafforzato e’ la difesa piu’ efficace contro i manipolatori.

E’ una capacita’ inesauribile e, una volta imparata, non la si dimentica piu’.

Se volete riconoscere i soggetti tossici non potete concentrarvi unicamente sul loro comportamento. Dovete anche sapere identificare i segnali che si profilano nel vostro cuore. Solo allora sarete pronti per affrontare qualsiasi cosa.

30 SEGNALI

  1. 1. Gaslighting  (una forma di violenza nella quale si presentano alla vittima false informazioni per indurla a dubitare della propria memoria e percezione) e il crazy-making (il ricorso a giochetti psicologici per confondere e destabilizzare la vittima,indebolendola sempre di piu’)
  2. 2. Non riesce a mettersi nei vostri panni
  3. 3. Ipocrisia all’ennesima potenza
  4. 4. Menzogne e giustificazioni patologiche
  5. 5. Lo psicopatico si sofferma sui vostri errori e ignora i propri
  6. 6. Vi ritrovate a spiegare i fondamenti del rispetto umano a un uomo o a una donna adulti
  7. 7. Egoismo e una divorante sete di attenzione
  8. 8. Vi accusa di provare emozioni che ha provocato a bella posta
  9. 9. Vi ritrovate a fare i detective
  10. 10. Siete gli unici a vedere la sua vera natura
  11. 11. Temete che ogni litigio possa essere l’ultimo
  12. 12. L’individuo tossico erode pian piano i vostri limiti
  13. 13. Il soggetto tossico vi nega qualunque attenzione e sgretola la vostra autostima
  14. 14. Pretende che gli leggiate nel pensiero
  15. 15. In sua presenza siete sempre tesi come corde di violino, ma volete piacergli a ogni costo
  16. 16. Un’incredibile quantita’ di “svitati” nel suo passato
  17. 17. Scatena gelosie e rivalita’ nascondendosi dietro una maschera di candore
  18. 18. Idealizzazione e love-bombing  e lusinghe
  19. 19. Vi mette a confronto con ogni altra persona della sua vita: ex, amici, familiari e futuri sostituti
  20. 20. Le qualita’ che all’inizio ammirava in voi diventano all’improvviso difetti macroscopici
  21. 21. La maschera si incrina
  22. 22.Si annoia facilmente
  23. 23. La triangolazione (il soggetto tossico si attornia di ex, di amici, di chiunque gli dia attenzioni. Questo comportamento serve a generare confusione e a dare l’impressione di essere sempre molto richiesto)
  24. 24. Maltrattamenti occulti
  25. 25. Il gioco della pieta’ e le storie patetiche
  26. 26. Il ciclo agrodolce. A volte vi riempie di attenzioni, altre vi ignora,altre ancora vi critica
  27. 27. Questa persona diventa il centro della vostra vita
  28. 28. Arroganza, supponenza, saccenza
  29. 29. Pettegolezzi velenosi e mutevoli
  30. 30. I vostri sentimenti. L’amore e la compassione si trasformano in panico e ansia opprimenti
  31. RIFLESSIONI
  32. Le persone equilibrate e amorevoli non azionano nessuno di questi campanelli di allarme
  33. Lo psicopatico e’ un individuo parassitico,emotivamente immaturo e incapace di cambiamento. Una volta che e’ uscito dalla vostra vita, ogni cosa ricomincia ad avere senso. Il caos si dissolve, sostituito dalla lucidita’ mentale. Tutto torna alla normalita’.

A proposito dell’uomo che maltratta: capire in tempo come salvarsi

La differenza tra l’uomo verbalmente molesto e quello fisicamente violento non sono cosi’ marcate come si potrebbe pensare. Il comportamento di entrambi ha le stesse radici e nasce dalla stessa mentalità. Inoltre, le due categorie tendono a sovrapporsi: gli uomini fisicamente violenti lo sono anche verbalmente, quelli mentalmente crudeli e manipolatori tendono a sconfinare nell’intimidazione fisica.

Una delle ragioni per cui e’ difficile riconoscere il maltrattamento in un rapporto di coppia e’ che spesso gli uomini maltrattanti non sembrano tali. Hanno molte buone qualità, sono simpatici, spesso anche gentili, dotati di senso dell’umorismo, specialmente nei primi tempi. Hanno molti amici, un lavoro…..ma non e’ da escludere che potrebbero fare uso di sostanze stupefacenti o di alcol.

Insomma, un uomo violento o fisicamente o psicologicamente, non corrisponde necessariamente all’idea che si ha comunemente della persona violenta. E cosi’, quando una donna sente che c’e’ qualcosa che non torna, difficilmente pensa al fatto che il suo partner sia violento. I sintomi della violenza ci sono e la donna di solito li vede con chiarezza: la frequenza delle umiliazioni; una generosità che si trasforma presto in egocentrismo; sbotti verbali quando e’ irritato o gli si da’ torto; lamentele, sempre rivolte alla partner; la convinzione di sapere cosa e’ bene per lei meglio di lei stessa; e, in molte coppie, un crescente clima di paura e intimidazione. Ma la donna vede anche che il compagno e’ un essere umano, capace di affetto, e gli vuole bene. Vorrebbe capire perche’ si arrabbia cosi’ tanto, per aiutarlo a uscire da quello schema di alti e bassi.

Gli sbalzi d’umore dell’uomo violento sono particolarmente sconcertanti. E’ come se fosse un’altra persona, cambia dall’oggi al domani quando non da un momento all’altro. A volte e’ aggressivo e minaccioso, usa toni aspri, insulta, schernisce e intima il silenzio. Quando e’ in questa fase, qualunque cosa lei cerchi di fare, non riesce a calmarlo, anzi: lo fa arrabbiare di piu’. Lui le da’ la colpa di ogni problema e stravolge cio’ che gli dice, costringendola a mettersi sulla difensiva. Molte donne dicono: ” sembra che io non faccia mai nulla di giusto”.

In altri momenti sembra invece ferito e disperato, bisognoso di affetto e di qualcuno che si prenda cura di lui. Allora pare disposto a cambiare o sembra un bambino offeso, difficile e problematico, ma in fondo amabile. A vederlo cosi’, la sua partner non pensa che la violenza dentro di lui possa manifestarsi ancora. La bestia che qualche volta prende il sopravvento non sembra avere nulla a che fare con la persona tenera che le si presenta ora.

Prima o poi pero’ l’ombra riappare, come se avesse vita propria. Possono trascorrere tranquillamente giorni e settimane, ma ecco che improvvisamente la donna e’ sotto attacco. Riprova a mettere insieme gli aspetti cosi’ incoerenti del carattere del partner e non riuscendoci, pensa di essere lei quella non del tutto a posto con la testa. (Manipolazione)

COSA PUO’ FARE PER SE’ UNA DONNA MALTRATTATA

Il primo messaggio che vorrei dare e’ il seguente: un uomo maltrattante distorce la vita e la mente della donna con la quale sta, in modo che resti sempre focalizzata su di lui.

La cosa piu’ importante per uscire da questo vortice e’ tornare a dirigere le vostre attenzioni su voi stesse e, se li avete, sui vostri figli. Tornare a rivolgere le vostre energie sull’andare avanti nella vita per la strada che scegliete.

RIFLESSIONI

* chiedete aiuto a voi stesse, di qualunque tipo. Cercate qualcuno da qualche parte di cui vi potete fidare e che puo’ aiutarvi a mantenere il senso di realtà, che capisca cio’ che state passando.

Uscite a cercare aiuto

* tenete un diario per documentare la vostra esperienza, in modo che quando il vostro partner vi confonde le idee stravolgendo i fatti o con improvvisi “ attacchi di bontà”, voi possiate rileggere cosa avete    scritto e ricordarvi chi siete veramente e quello che lui veramente fa.

* State lontane da persone che non vi fanno del bene e che vi dicono cose che vi portano ad attribuirvi delle colpe

* Pensate a qualunque cosa vi venga in mente che vi fa star bene, che nutre la vostra anima. Anche le donne che hanno partner estremamente ossessivi e ipercontrollanti riescono spesso a trovare qualche stratagemma per avere il tempo di fare ginnastica, prendere lezioni di qualcosa, fare passeggiate o ritagliarsi del tempo in solitudine per pensare.

* non biasimatevi se non riuscite subito a raggiungere i vostri obiettivi e se, ad esempio, crollate e ritornate con lui. Cercate di recuperare energie e riprovateci.

  Ce la farete prima o poi, e magari proprio al prossimo tentativo.

Infine spesso questi uomini sono narcisisti perversi e sono uomini fortemente manipolatori, commettono abusi psicologici, minacciano e sono difficilmente modificabili.

La dipendenza e i comportamenti a rischio in una societa’ a rischio

La dipendenza e’ una dimensione che la persona attraversa tutta la vita e con la quale deve fare continuamente i conti. Tutti noi dipendiamo da cose e persone: puo’ essere una dipendenza “sufficientemente buona” o puo’ essere  una dipendenza patologica ( da sostanze o affettiva) che si traduce in comportamenti compulsivi, dannosi per la persona che la sperimenta e per le persone con le quali e’ in rapporto.

La dipendenza e’ espressione del bisogno di sperimentare un piacere-eccitazione, fondamentale per la persona che ne e’ soggetta, ai fini della possibilita’ di vivere la quotidianita’ e di sopportare le angosce che questa comporta (Angelucci)

Spesso l’evaporazione della funzione paterna in una funzione amicale e la persecutorieta’ di un femminile invadente ed assillante mette i giovani nella condizione di sperimentare ogni rischio per potersi sentire invaso da un desiderio che non conosce.

Il vuoto rappresentazionale dei genitori puo’ impedire ai giovani di radicarsi e volare con la rete di sicurezza, bloccandolo in una sorta di guscio informe e deviante dalla norma (Vergine)

Il giovane tormentato non possiede dentro di se’ il senso del limite, ma vive su se’ stesso un territorio di frontiera.

Allora nel giovane, nell’impossibilita’ di accedere ad una rappresentabilita’ di sensazioni, affetti e pulsioni, il corpo puo’ divenire il luogo in cui agire la violenza e la distruttivita’ legata alla perdita di riferimenti e all’intollerabilita’ di contenuti emotivi che, non potendo essere esperiti nel dolore che procurano, vengono concretamente tagliati ed espulsi fuori da se’. Dunque l’esperienza psicoterapeutica si pone come luogo che, ripartendo dal corpo e dalla sua immediata fisicita’, puo’ consentire di dar voce e parola a cio’ che non e’ stato possibile riconoscere come esperienza vissuta, ristabilendo un legame con tutto cio’ che inizialmente sembra avere soltanto la possibilita’ di essere evacuato in un fatto sensoriale. (Casamassima)

Come far risalire l’autostima in tempi brevi

No Comments

Innanzitutto dobbiamo definire l’origine dell’autostima.

Correnti di pensiero dicono che sia di natura genetica, altre che sia di origine ambientale (vd. modello genitoriale) altre educative (vd.stili educativi).

Altri un mix.

Comunque sia, chi presenta un forma di autostima bassa soffre!

Non solo si vive come incapace, ma commette scelte non sempre adeguate che a loro volta incrinano ancor di piu’ l’autostima.

E allora come fare a risalire la china? Di seguito elencherò alcuni punti:

– accettare che oltre ai difetti si possiedono pregi e di conseguenza scoprirli e utilizzarli

– mettere in evidenza con se’ stessi e con gli altri, le proprie abilita’ senza vergognarsi

– essere consapevole della presenza di una parte interna denigratoria e svalutativa e arginarla

– allearsi con la parte “adulta sana” che funziona e far si ‘che  “abbracci” la parte infantile e vulnerabile insita in ciascuno di noi

– ammettere che, seppur si commettono degli errori, esso e’ un processo umano, ed e’ tutto riparabile

– non pretendere da se’  l’eccesso ed ossessivamente il successo ( se esso avviene da solo tanto meglio)

– imparare a godere dei propri successi e delle proprie capacita’

Ed infine non provare il senso di colpa di essere una persona capace!

Sono 8 punti non del tutto facili da perseguire, ma solo il riuscire a raggiungerne qualcuno potrebbe cambiare e/o modificare non solo l’autostima ma anche la qualità della vita in una direzione positiva.