MUSICA E CERVELLO

La musica è intorno a noi. Che tu lo realizzi o no, la musica ci influenza in molti modi e si presenta in molte forme diverse. Molte persone hanno la propria selezione su telefoni, tablet e laptop.

Le prime prove di musica provengono da flauti che sono stati scolpiti nell’osso. I ricercatori affermano che questi flauti hanno circa 43.000 anni. Gli sciamani stavano usando la musica primitiva per portare coraggio ai loro combattenti della tribù o dare loro speranza nella loro caccia agli animali. La musica si trova spesso anche in molte occasioni, come le celebrazioni. C’è anche un uso della musica nelle guerre, a volte come mezzo di intimidazione o semplicemente per unire le persone nella loro lotta contro un nemico comune.

Un po’ di musica, come la classica, può essere utilizzata in terapia per trattare pazienti con condizioni come depressione o ansia. Ascoltare musica come la musica classica, il jazz morbido e persino il rap ha dimostrato di essere rilassante e può persino combattere la depressione. L’ascolto del pop ha persino dimostrato di dare alle persone un’esplosione di energia, a causa della sua natura ottimista. Questi fenomeni sono dovuti alla melodia alla quale suona la musica. Un tempo lento può provocare una sensazione rilassante, mentre uno più veloce può essere più energizzante. Alcune persone pensano che dipenda dallo strumento, ma riguarda davvero il modo in cui vengono suonate.

Suonare uno strumento comporta anche una serie di vantaggi. Poiché suonare uno strumento stimola entrambi i lati del cervello, è direttamente collegato al miglioramento della memoria a lungo termine. Ci aiuta anche a calmarci e migliora le capacità di alfabetizzazione.

Recentemente, nell’ambito della medicina integrativa, la musicoterapia è stata aggiunta alla cura dei pazienti in alcuni ospedali accademici. In queste impostazioni la musicoterapia è “prescritta” per scopi diversi, incluso un migliore controllo del dolore e rilassamento per i malati di cancro.

Infine, per trarre vantaggio dalla musica possono essere coinvolti molti fattori. In base alla situazione emotiva e all’obiettivo dell’attività, il tipo di musica può essere personalizzato. Lo stile musicale, lo strumento suonato, il ritmo, il tono, sia che si tratti dell’ascolto passivo o dell’esecuzione attiva, che accompagnano attività come la danza, sono tra i diversi fattori che dovrebbero essere considerati.

Musica e sostanze chimiche cerebrali

La musica e la storia umana sono strettamente legate. Sebbene la musica sia stata utilizzata per scopi diversi e in vari contesti della storia umana, è solo di recente che è stata apprezzata come parte della terapia medica alternativa. Ciò ha attirato l’interesse scientifico nel delineare i cambiamenti fisiologici che la musica può stimolare nel corpo, specialmente nel cervello.

La musica può aumentare i livelli di dopamina e la sua sintesi nel cervello. Questo livello elevato può dare una sensazione piacevole, un senso di benessere. La dopamina può anche regolare le risposte emotive come i sentimenti di piacere basati anche sulle novità. Ciò può motivare l’ascoltatore a cercare di nuovo un’esperienza simile. Allo stesso modo, durante l’esposizione alla musica sono stati osservati aumenti del livello sierico di calcio. Il calcio migliora la sintesi di dopamina nel cervello e successivamente inibisce l’attività simpatica che può ridurre la pressione sanguigna.

I cambiamenti nel livello di attività delle endorfine sono un altro effetto della musica nel corpo. Alcuni ricercatori ritengono che il livello di endorfina diminuisca nei pazienti che sono stati esposti alla musica che porta a abbassare la pressione sanguigna. D’altra parte, altri affermano che l’esecuzione della musica, e non solo ascoltandola, aumenta la tolleranza al dolore attraverso l’attivazione del rilascio di endorfine. Sembra che siano necessarie ulteriori ricerche per descrivere più in dettaglio, l’impatto della musicoterapia nel cervello e la sua relazione con il rilascio di endorfine.

È stato anche dimostrato che la musica aumenta il rilascio di serotonina nel cervello e migliora la tollerabilità allo stress. L’aumento dei livelli di serotonina nel cervello può influenzare anche l’umore, l’  ansia e la felicità. Poiché la depressione è stata collegata a bassi livelli di serotonina, i principali gruppi di farmaci antidepressivi funzionano aumentando il livello disponibile di serotonina, aiutando sia la depressione che l’ansia. Alcune droghe illecite come l’ecstasy possono aumentare significativamente i livelli di serotonina.

La musica può aumentare i livelli di ossitocina nel cervello. Questo effetto può essere percepito come un senso di rilassamento e un aumento delle interazioni sociali. Aumentando il livello di ossitocina nel cervello, l’ascoltatore può avere una maggiore sensazione di fiducia. Al contrario, alcuni ricercatori sostengono che non potevano mostrare questo effetto nei loro studi. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche e interventi per studiare questo presunto effetto. La musica ha anche dimostrato di abbassare i livelli di cortisolo. Bassi livelli di cortisolo possono anche portare a un senso di rilassamento e calma. Può anche migliorare la depressione, l’affaticamento e i disturbi dell’umore. La musica può anche ridurre la concentrazione dei livelli di noradrenalina nel cervello. Bassi livelli di noradrenalina, a causa dell’attivazione del sistema nervoso parasimpatico, possono aiutare a far fronte all’ansia, risultando in uno stato più rilassato e un sonno migliore.

In breve, sembra che gli effetti rilassanti e calmanti della musica siano mediati da diversi ormoni e trasmettitori neuroendocrini. La scienza di base ha rivelato una serie di cambiamenti che possono verificarsi. Sebbene questi studi abbiano dimostrato che suoni, toni e ritmi musicali diversi possono avere esiti specifici, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarirne gli effetti fisiologici. Speriamo che ulteriori conoscenze possano aiutare a guidare le prescrizioni musicali in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.