BURN OUT INFERMIERISTICO

Burnout infermieristico: la causa, l’effetto e i suggerimenti

La professione infermieristica è una delle forze di lavoro in più rapida crescita nel paese. Eppure, secondo la Canadian Nursing Association (CNA), il Canada potrebbe raggiungere i 60.000 RN a tempo pieno entro il 2022. Sebbene la domanda di infermieri continui a crescere, l’offerta di infermieri non ha tenuto il passo. In effetti, solo poche migliaia di persone hanno iniziato la professione rispetto a quella del 2016 e c’è stato un calo del 3,2% dei laureati che hanno ottenuto una licenza per esercitare in Canada dal 2013. Queste cifre sono dovute in gran parte alla natura fiscale del lavoro: nel 2010, uno studio della CNA ha rilevato che l’80% degli infermieri ha riferito di affaticamento durante o dopo il lavoro e uno studio del 2013condotto dal CBC ha scoperto che il 40% degli infermieri si identificava come se stesse sperimentando un “burnout” professionale, o semplicemente il burnout infermieristico.

Burnout infermieristico

Certamente alcuni elementi di esaurimento e affaticamento sono dovuti agli sforzi fisici associati alla professione – gli infermieri lavorano per lunghe ore e il lavoro comporta lavoro manuale come sollevare e pulire i pazienti – ma viene attirata una crescente attenzione sulle conseguenze psicologiche dell’allattamento. I fenomeni psicosociali associati al burnout professionale sono noti collettivamente come affaticamento della compassione; questi sintomi possono includere irritabilità, depressione, sbalzi d’umore e autoisolamento. In assenza di un intervento, qualcuno che soffre di affaticamento per compassione potrebbe sviluppare una posizione distaccata, perdendo la capacità di formare nuove connessioni emotive e sostenere quelle esistenti.

Allo stesso modo in cui potresti avere le spalle doloranti e difficili da muovere dopo una giornata trascorsa a sollevare oggetti pesanti, la nostra capacità di sperimentare ed esprimere empatia può irrigidirsi e seccarsi con lo sforzo.

Gli scienziati sociali e i professionisti della salute mentale spesso si riferiscono al processo di gestione dei sentimenti, degli atteggiamenti e dei comportamenti sul luogo di lavoro – sia i propri che quelli degli altri – come “lavoro emotivo”. Gli infermieri che forniscono supporto emotivo ai loro pazienti, confortandoli e rassicurandoli nel profondo della sofferenza fisica e psicologica, stanno fornendo non solo i loro sforzi fisici ma anche i loro sforzi emotivi. Gli infermieri, come qualsiasi altro settore orientato al cliente, dovrebbero mantenere un comportamento amichevole e utile durante il lavoro, indipendentemente dal loro stato emotivo reale nel corso di una lunga giornata lavorativa.

L’infermieristica, come altre professioni sanitarie, richiede la pratica del lavoro emotivo, che può essere emotivamente faticoso. Entrare in una struttura sanitaria è stressante e sconvolgente per molti pazienti, e poiché la salute medica è fortemente correlata alla salute mentale, più le condizioni del paziente sono gravi, più possono diventare stressate e turbate. Gli infermieri sono tenuti ad interagire con i pazienti più intimamente e frequentemente rispetto alla maggior parte degli altri operatori sanitari, rendendoli più inclini a sentire il peso del carico emotivo dell’assistenza sanitaria. In uno dei nostri articoli precedenti, abbiamo parlato di come affrontare la fatica della compassione e dl burn out . Abbiamo anche discusso del fatto che questi professionisti sono gravati dalle aspettative e dalle pressioni di pazienti, personale, famiglia, amici e società in generale. 

Secondo una recente pubblicazione

“La professione infermieristica è stata considerata altamente suscettibile al burnout a causa di sovraccarico di lavoro, conflitto inter-professionale, mancanza di chiarezza, ambiguità dei compiti, crescente complessità dei compiti, esigenze emotive dei pazienti e scarsa prognosi dei pazienti. È stato riscontrato che l’età, la durata del periodo di allattamento totale, il luogo di controllo, il senso di benessere generale, le capacità di adattamento e la maturità emotiva hanno una correlazione significativa con il burnout “

Incoraggiare un migliore input emotivo da parte degli infermieri in ambito sanitario, noto come “pratica della compassione”, può assumere molte forme; esempi includono l’accesso al supporto psicologico per gli operatori sanitari, la riduzione dei carichi di lavoro, il debriefing di gruppi di pari e la definizione di programmi formali per riconoscere e premiare gli infermieri che forniscono un’eccezionale assistenza emotiva. In un recente studio, i ricercatori dell’Università dell’Arizona hanno scoperto che gli infermieri nelle cliniche in cui erano in atto pratiche di compassione riferivano meno stanchezza emotiva rispetto alle loro controparti che non avevano accesso al supporto compassionevole. Affascinante, lo stesso studio ha anche scoperto che i pazienti nelle cliniche con pratiche compassionevoli “hanno riportato migliori interazioni con gli infermieri e hanno dato valutazioni più elevate della loro esperienza di cura del paziente”.

In altre parole, le pratiche di compassione non aiutano solo gli infermieri; aiutano anche i pazienti.

Investire nell’assistenza sanitaria di solito significa capitalizzare gli aspetti tecnici dell’assistenza, ma sta diventando sempre più evidente che l’incoraggiamento e la compensazione per l’esecuzione del lavoro emotivo sono importanti tanto quanto la compensazione per il lavoro fisico o tecnico. E proprio come la compensazione per il lavoro tecnico e tangibile assume una forma tangibile, la compensazione per il lavoro emotivo può assumere una forma emotiva. Maggiore è la compassione e l’empatia che offriamo ai nostri fornitori di assistenza sanitaria, più ci prendiamo cura di loro, meglio sono in grado di prendersi cura di noi in cambio.

I professionisti infermieristici dovrebbero utilizzare i programmi di assistenza dei dipendenti progettati per loro, per una migliore gestione dello stress e supporto di auto-cura. Mantenere un buon equilibrio tra il lavoro e la vita personale aiuta anche a ridurre lo stress, insieme a una dieta equilibrata, esercizio fisico e altre attività ricreative. Conosci i segni di esaurimento e chiedi aiuto quando ne hai bisogno.

Categories: Articoli salvavita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.