La lotta per meditare

La lamentela numero uno di coloro che lottano per meditare è che non riescono a smettere di pensare .

Tutti i tanti discorsi sul pensiero e la meditazione sono solo un mito: “Non è necessario interrompere i pensieri per meditare”, e infatti, “alcune delle parti più preziose della meditazione vengono proprio quando ti accorgi di essere stato distratto ”.

Va un po ‘più o meno così …

Il tuo cervello è progettato per pensare, e pensare è ciò che sa fare meglio. Il cervello è un esperto nell’individuare le minacce, nell’evitare il disagio, nel riconoscere i desideri e nel concepire modi per soddisfare tali desideri. È un talentuoso multi-tasker, una macchina per “pensare, sentire, sognare”.

Quando ti siedi per meditare, il cervello continua a svolgere il suo lavoro quotidiano. Non è fatto “per riposare pacificamente su un unico insieme di percezioni (come il respiro) ad esclusione di tutte le altre”. E di solito ci vogliono solo una decina di secondi perché torni alle sue solite abitudini, evitando il dolore e cercando il piacere.

Questo processo di attenzione e distrazione è perfettamente normale, solo “il cervello fa quello che fa”.

Quando ciò accade, invece di arrendersi, gettare la spugna non appena la mente vaga tra le preoccupazioni quotidiane , le autocritiche o cosa cucinare per cena domani sera, tutto ciò che devi fare è riportarti con calma al tuo respiro.

Per Michaelson, “ lo scopo della meditazione consapevole non è smettere di pensare. Significa relazionarsi in modo diverso al pensiero “, cioè” relazionarsi a ciò che sta accadendo con un atteggiamento chiaro, calmo e forse amorevole “. La cosa migliore che puoi fare è notare che te ne sei andato e poi tornare indietro.

Questo approccio alla distrazione sembra abbastanza ragionevole, ma ciò che molti di noi sarebbero sorpresi di apprendere è che la distrazione è in realtà la parte migliore: “la miniera d’oro della meditazione”.

Ogni volta che noti che stai pensando, ti stai impegnando in quella che i neuroscienziati chiamano “meta-cognizione”, nel senso che sei consapevole della tua mente, testimoniando pensieri ed emozioni, “piuttosto che semplicemente pensarli o sentirli”.

È questa opportunità per fermare e riconoscere i pensieri che costruiscono il muscolo mentale e riqualifica la mente per le sfide della vita reale. Ad esempio, se qualcuno dicesse qualcosa di offensivo, la meditazione insegna alla mente a registrare i sentimenti e a considerare i pensieri prima di reagire semplicemente. Permette alla mente di gestire meglio i momenti di stress e ansia, allenandola a riconoscere quei sentimenti per quello che sono, invece di assecondarli a lungo.

Naturalmente, ci possono essere momenti in cui la mente rallenta davvero, quando raggiunge uno “stato di flusso”, in cui i pensieri sono quieti; i colori, i sapori e le sensazioni sono più vividi; e la mente si sente riposante, totalmente a suo agio. La maggior parte di noi ha sperimentato questo ad un certo punto, se non in meditazione, poi leggendo un libro o arrivando alla fine di un lungo periodo.

Per quanto ringiovanenti possano essere questi momenti, non puoi entrare in uno stato di flusso. Il meglio che puoi fare è “concentrarti sull’attività stessa, escludendo tutto il resto; il resto spetta al cervello ”. E ricorda, sforzarsi per far accadere questi stati è, sfortunatamente, il modo migliore per prevenirli!

La chiave è rimanere con la meditazione, con calma e compassionevole, lasciando andare il giudizio di sé e rilasciando pensieri e sentimenti mentre passano.

 Alla fine, “questo lento processo di riqualificazione della mente … è il modo in cui la meditazione porta alla felicità”.

Categories: Articoli informativi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.